Troppo sport? Anca a rischio

Troppo sport? Anca a rischio

Se fino a pochi anni fa l’artrosi dell’anca veniva considerata una patologia tipica dell’anziano, oggi secondo il Riap (Registro italiano artro-protesi) tra le oltre 90.000 persone affette da artrosi che ricorrono all’intervento chirurgico di protesi d’anca ci sono anche giovani, prevalentemente maschi quarantenni e sportivi. Troppo sport così come la sedentarietà costituiscono fattori di rischio per l’usura della cartilagine, una membrana elastica ma molto resistente che favorisce ogni movimento articolare – spiega il Dottor Augusto Palermo, ortopedico esperto in chirurgia protesica dell’anca e di ginocchio. – Quando si consuma, le ossa dell’articolazione sfregano su se stesse con conseguente dolore tipico dell’artrosi dell’anca. L’obiettivo per noi specialisti è trovare la soluzione più adatta per il singolo paziente, tenendo in considerazione l’età e la gravità della situazione.” Per il trattamento dell’artrosi dell’anca e di patologie degenerative dell’anziano in buona salute, generalmente la soluzione migliore è l’intervento di protesi d’anca che garantisce efficienza per un numero adeguato di anni. Nel giovane invece vanno considerati, quando possibile, trattamenti alternativi di chirurgia conservativa praticata a cielo aperto oppure l’artroscopia d’ancauna tecnica chirurgica mininvasiva che permette di correggere le cause di dolore all’anca come il conflitto tra femore e acetabolo che porta alla distruzione della cartilagine. Durante l’artroscopia d’anca vengono effettuati dei piccoli fori e grazie all’inserimento di una minuscola video-sonda il chirurgo ha la visione globale dell’anca ed è in grado sia di valutare direttamente la causa del dolore e di intervenire per risolverla. Per quanto riguarda il recupero dopo l’intervento in artroscopia sono necessari circa 2 mesi, e dopo 3-6 mesi è possibile riprendere appieno l’attività agonistica.

I benefici per il paziente sono importanti:

– la mini-invasività dell’intervento comporta cicatrici minime
– ridotti tempi di recupero
– ritorno alle normali attività quotidiane in tempi brevi

Potrebbe interessarti

Home Comments Slider

News

Sport e Ginocchio
14 Ott, 2018 admin 0Commenti
Anca e Troppo Sport
14 Ott, 2018 admin 0Commenti