Rivoluzionario impatto della nuova tecnologia 3d sulla chirurgia ortopedica

Rivoluzionario impatto della nuova tecnologia 3d sulla chirurgia ortopedica
3d
chirurgia
protesi
ginocchio

Oggi abbiamo eseguito un intervento con la tecnica 3d Aids4Med.

Nel ginocchio che vedete nel video, e che avevamo già presentato, in alta definizione e in scala 1:1, abbiamo applicato una protesi di ginocchio con le taglie che esattamente avevamo calcolato nella pianificazione e che sono state fedeli a quelli che avevamo previsto.

Il grande vantaggio della pianificazione tridimensionale con tecnica Aid4Med per questa articolazione vale per qualunque distretto corporeo, vale per la colonna, per la spalla, per l'anca e questo garantisce la possibilità, come abbiamo dimostrato, di poter utilizzare le taglie protesiche che avevamo stabilito prima con un'altissima precisione.

Non è solo questo il vantaggio della  pianificazione 3d, è anche quello di poter fare teaching, di poter insegnare ai giovani chirurghi l'applicazione di una protesi prima ancora di poterlo fare sul paziente, ci dà la possibilità di poter validare la terapia farmacologica per poter sapere quando e in che punto e quanto la terapia farmacologica è servita per poter rinforzare l'osso.

Con la nuova tecnologia 3d Aid4Med siamo oggi in grado di poter eseguire una pianificazione all’intervento con una precisione millimetrica.

La stampa tridimensionale ad alta definizione dell’articolazione che dobbiamo operare, garantisce la possibilità di ottimizzare la scelta delle taglie della protesi, garantisce l’abbattimento dei tempi chirurgici e garantisce la personalizzazione di ogni intervento.

Ogni distretto corporeo può essere riprodotto in scala 1:1 in tridimensionale per poter simulare l’intervento ancor prima di entrare in sala operatoria.

Oltre a questo rivoluzionario vantaggio riferito alla chirurgia, la stampa 3d consente anche di validare la bontà di una terapia farmacologica mirata al miglioramento della qualità dell'osso; consente inoltre di individuare in quali punti l’osso è più debole, per esempio nei casi di uno schiacciamento vertebrale oppure nel caso di una metastasi ossea.

Nessuna tecnica di imaging può garantire questa precisione che deriva dalla tridimensionalità

Potrebbe interessarti

News